I due leader in un'immagine d'archivio
I due leader in un'immagine d'archivio (keystone)

Botta e risposta tra Macron e Erdogan

Il presidente francese ha richiamato l'ambasciatore dopo che il leader turco ha messo in discussione la sua "salute mentale"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Emmanuel Macron ha richiamato il proprio ambasciatore a Parigi, dopo aver definito "inaccettabili" gli attacchi del suo omologo turco. Recep Tayyip Erdogan, infatti, aveva messo in discussione la "salute mentale" del presidente francese, a causa del suo atteggiamento nei confronti dei musulmani. Dal canto suo, Macron ha sottolineato l'assenza di messaggi di cordoglio da parte del presidente turco, dopo l'assassinio di Samuel Paty, l'insegnante che è stato decapitato da un islamista nei pressi di Parigi.

Un professore decapitato a Parigi

Un professore decapitato a Parigi

TG 20 di venerdì 16.10.2020

 

È la prima volta nella storia delle relazioni diplomatiche franco-tuche che l'ambasciatore francese ad Ankara viene richiamato. Non è la prima volta, invece, che la tensione tra i due leader sale. Già a novembre 2019 Erdogan, commentando le parole di Macron sulla "morte cerebrale" della NATO aveva invitato il presidente francese ad "esaminare la propria morte cerebrale".

I botta e risposta, tuttavia, sono solo la punta dell'iceberg di una contrapposizione più ampia tra i due Paesi su diverse questioni internazionali, tra cui il conflitto nel Nagorno Karabakh. L'Eliseo ha denunciato il "comportamento irresponsabile" della Turchia, che ha offerto il suo sostegno all'Azerbaijan in chiave anti-armena.

AFP/eb
Condividi