Numerose persone sono morte nel corso delle proteste (keystone)

Diritti umani violati in Ucraina

Il Paese fece un ricorso eccessivo alla violenza per reprimere le manifestazioni del 2013-2014

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Corte europea dei diritti dell’Uomo (CEDU) ha condannato giovedì l’Ucraina per diverse violazioni dei diritti umani nel corso delle repressioni delle proteste in piazza Maidan avvenute tra novembre 2013 e febbraio 2014. Lo Stato è inoltre ritenuto responsabile dell’uccisione di un manifestante.

Le autorità, stando alla Corte, fecero un ricorso eccessivo alla violenza e a detenzioni arbitrarie. La repressione avvenne davanti agli obiettivi delle telecamere, che documentarono anche l’uccisione di diverse persone.

Il Governo, ha aggiunto la CEDU, non riuscì a portare a termine un’inchiesta adeguata e sufficientemente rapida su quanto avvenuto.

RG/mrj
Condividi