Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (Keystone)

Elezioni USA: Trump evoca un rinvio

Candidato a succedere a sé stesso, il presidente si inquieta per il rischio di frodi legato al voto per corrispondenza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Rinviare l'elezione fino a quando la gente potrà votare correttamente, in condizioni di sicurezza e in maniera sicura???". E' quanto si chiede (con tre punti interrogativi) Donald Trump in un tweet pubblicato giovedi pomeriggio. Il presidente degli Stati Uniti afferma - non per la prima volta - che l'aumentato ricorso al voto per corrispondenza, conseguenza della pandemia, accresce il rischio di irregolarità.

 

"Con il voto postale generalizzato quelle del 2020 saranno le elezioni più imprecise e fraudolente della storia. Saranno un grande imbarazzo per gli Stati Uniti" scrive ancora Trump. Non esistono prove a sostegno di tale affermazione, che il presidente ha già più volte reiterato in varie occasioni pubbliche, ma mai prima d'ora si era spinto fino a suggerire esplicitamente il rinvio.

Trump annulla la convention repubblicana

Trump annulla la convention repubblicana

TG 12:30 di venerdì 24.07.2020

 

La data delle elezioni è fissata dalla Costituzione degli Stati Uniti "al martedì dopo il primo lunedì del mese di novembre". Quest'anno l'Election day cadrà il 3 novembre.

I primi commenti da parte democratica sono improntati ad un categorico rifiuto.

Il presidente "ha solo fatto una domanda", ha detto alla CNN un portavoce della campagna per la rielezione di Trump.

In serata Trump ha rincarato la dose con un altro paio di tweet "sono contento di essere riuscito finalmente a far parlare i media dei rischi alla nostra democrazia con il voto via posta". E ancora: "I risultati elettorali devonoessere noti la notte dell'Election Day, non giorni, mesi o anni dopo. Vinceremo le elezioni 2020".


 

tm
Condividi