Una stazione di servizio a Londra, senza benzina
Una stazione di servizio a Londra, senza benzina (keystone)

Gran Bretagna, manca la benzina

Forniture alle stazioni di servizio in crisi per la mancanza di camionisti a causa della Brexit e della pandemia. Migliaia di persone in coda per il pieno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È stato un vero e proprio giorno nero per la crisi dei trasporti, accentuata da quella energetica, che ha colpito il Regno Unito, dove migliaia di persone si sono ritrovate venerdì in coda ai distributori. A causa della persistente penuria di camionisti sono iniziate a calare le scorte di carburanti nel Paese e il colosso BP ha chiuso o ridotto l'erogazione di benzina e diesel in circa 100 stazioni di servizio. Altre del gruppo americano ExxonMobil hanno subito la stessa sorte, spingendo così gli automobilisti timorosi di restare a secco a formare lunghe file ai punti di rifornimento, in particolare a Londra e nel sud dell'Inghilterra, una delle zone più trafficate della Gran Bretagna.

Si stima che il Regno sia a corto di circa 100'000 conducenti di mezzi pesanti, con la penuria aggravata dalla pandemia e dalla Brexit e che ha già avuto importanti ricadute sulla grande distribuzione e la ristorazione.

UK e la crisi del carburante

UK e la crisi del carburante

TG 12:30 di sabato 25.09.2021

 
UK, a corto di merci causa Brexit

UK, a corto di merci causa Brexit

TG 20 di sabato 04.09.2021

 
 
ATS/M. Ang.
Condividi