Erdogan e Putin al recente summit del G20
Erdogan e Putin al recente summit del G20 (keystone)

Guerra di parole Putin-Erdogan

Mosca pronta alle sanzioni contro Ankara che respinge le accuse sulla vicenda del jet abbattuto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Mosca passa alla rappresaglia economica contro Ankara all'indomani dell'abbattimento del jet militare alla frontiera tra Siria e Turchia. La Russia ha così annunciato, nella giornata di giovedì, la preparazione di dure misure economiche contro Ankara.

Mosca minaccia di bloccare il flusso di turisti russi (che vale 4 miliardi di dollari l'anno) e i voli da e verso la Turchia, ma anche di congelare o addirittura far saltare il progetto per il gasdotto Turkish Stream e quello per la centrale nucleare di Akkuiu. Le restrizioni potrebbero riguardare anche la cooperazione finanziaria, i dazi doganali, gli investimenti, l'edilizia e l'uso di manodopera turca.

Le rotte contestate del jet abbattuto
Le rotte contestate del jet abbattuto (reuters)

L'ulteriore prova del fatto che tra Mosca e Ankara non scorre buon sangue è il trattamento riservato dalle autorità russe ad un gruppo di circa 50 imprenditori turchi, fermati a Krasnodar con l'accusa pretestuosa di aver mentito sul motivo del loro ingresso nel paese. Intanto, se un conflitto militare tra Russia e Turchia è stato escluso già ieri dal capo della diplomazia russa, Serghiei Lavrov, tra Vladimir Putin e il presidente turco Recep Tayyip  Erdogan ormai è guerra di parole.

Red.MM/ATS/Swing

Dal TG20:

Russia e Turchia ai ferri corti

Russia e Turchia ai ferri corti

TG 20 di giovedì 26.11.2015

Condividi