Le vetrate dello scalo ridotte in pezzi dalle esplosioni
Le vetrate dello scalo ridotte in pezzi dalle esplosioni (keystone)

Io, sopravvissuto di Bruxelles

La testimonianza di Paolo Volpini, scampato agli attentati jihadisti nell'aeroporto di Zavantem

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Eravamo terrorizzati non solo dalle esplosioni ma anche dalla possibilità che il terzo componente del commando si trovasse ancora nel terminal, con un'arma automatica. Era questa la voce che girava in aeroporto. Le uniche informazioni che ci arrivavano erano quelle provenienti dai nostri telefonini e tablet. Non c'erano indicazioni ufficiali". Così Paolo Volpini, scampato agli attentati jihadisti nell'aeroporto di Bruxelles, ai microfoni della RSI.

"La nostra evacuazione dal terminal è stata caotica ed è durata 4/5 ore, non abbiamo ricevuto sufficiente assistenza. Come uscite di sicurezza sono state usate le porte di imbarco dei voli. Ma quando noi passeggeri siamo stati concentrati nel piazzale esterno, non c'è stato un sentimento di sicurezza perché eravamo senza informazioni o assistenza e persisteva il timore di subire un ulteriore attacco", sottolinea Volpini, che vive e lavora a Bruxelles, nel settore della comunicazione, da 7 anni.

Le immagini dei presunti attentatori all'aeroporto diffuse dai media belgi
Le immagini dei presunti attentatori all'aeroporto diffuse dai media belgi

"Posso dire che, sinceramente, mi aspettavo gli attentati perchè eravamo già a un livello di allerta 3 su 4. Eppure il giorno degli attacchi, quando sono arrivato in treno all'aeroporto, durante il lungo tragitto dalla stazione all'imbarco, non ho incontrato nessun poliziotto o militare se non gli addetti alla sicurezza interna. Le prime forze di polizia che ho visto sono arrivate solo intorno alle 11.30".

Red. MM/M.Ang.

 

Dal TG20:

Le vittime, i volti e le loro storie

Le vittime, i volti e le loro storie

TG 20 di giovedì 24.03.2016

Condividi