L'inizio di un inverno che si preannuncia difficile (keystone)

L'Ucraina ricorda l'Holodomor

Novant'anni fa la grande carestia con milioni di morti. Oggi il problema sono il freddo e l'oscurità

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Ucraina ha commemorato sabato il 90mo anniversario dell'Holodomor, la carestia provocata volontariamente dal regime staliniano all'inizio degli anni '30, quando raccolti, bestiame e sementi vennero confiscati per forzare la collettivizzazione delle terre agricole. Morirono a milioni. Il più traumatico evento della storia ucraina ha assunto una nuova risonanza dopo l'invasione russa del 24 febbraio e in un messaggio su Telegram, il presidente Volodymyr Zelensky è tornato ad assicurare che "gli ucraini hanno vissuto cose terribili ma hanno conservato la capacità di non sottomettersi (...), in passato alla fame, oggi all'oscurità e al freddo".

Triste ricorrenza per l'Ucraina

Triste ricorrenza per l'Ucraina

TG 20 di sabato 26.11.2022

 

Un riferimento alla situazione dell'approvvigionamento energetico, che rimane molto difficile per effetto degli attacchi russi agli impianti, soprattutto nell'est del Paese, ma anche nella capitale Kiev, dove una parte della popolazione è senza corrente da tre giorni. Le autorità locali hanno detto di aver ripristinato il 75% dell'alimentazione elettrica e il 90% di quella per il riscaldamento, ma Zelensky ha criticato il sindaco Vitaly Klitschko, colpevole di un ripristino che il presidente giudica troppo lento e del numero insufficiente di rifugi messi a disposizione della popolazione colpita dai blackout nella capitale, che conta 3 milioni di abitanti.

Kherson fa i conti con le bombe

Kherson fa i conti con le bombe

TG 20 di sabato 26.11.2022

 

Le forniture di elettricità sono invece state ristabilite a Kherson, dove anche acqua e riscaldamento erano interrotti al momento della riconquista l'11 novembre, quando le forze russe avevano lasciato la città conquistata otto mesi prima e tutti i territori che avevano occupato sulla sponda destra del fiume Dnepr. Il capoluogo regionale resta tuttavia bersaglio di continui bombardamenti, che mirano in particolare alle infrastrutture, ma che negli ultimi giorni hanno causato una quindicina di morti. Sabato sono iniziate le evacuazioni di civili organizzate dalle autorità locali. Un treno con un centinaio di residenti, fra cui "26 bambini, 7 pazienti costretti a letto e 6 persone con mobilità ridotta" stando alle autorità ucraine, è partito a destinazione di Khmelnytsky.

Volodymyr Zelensky con i dirigenti stranieri giunti a Kiev per lanciare l'iniziativa
Volodymyr Zelensky con i dirigenti stranieri giunti a Kiev per lanciare l'iniziativa "Grain from Ukraine" (keystone)

In occasione dell'anniversario dell'Holodomor, che l'Ucraina considera un genocidio, a Kiev sono giunti diversi leader stranieri, come i premier di Polonia e Lituania, Mateusz Morawiecki e Ingrida Simonyte. Pure in visita, il primo ministro belga Alexander De Croo ha promesso aiuti per 37,4 milioni di euro. Rispettivamente 15 e 6 milioni arriveranno invece da Berlino e Parigi allo scopo di sostenere le esportazioni di grano ucraino. Zelensky ha detto che l'obiettivo è di veder partire verso l'Africa 60 navi entro la metà del 2023. Nel complesso, secondo il presidente, per l'iniziativa "Grain from Ukraine" sarebbero già stati raccolti 150 milioni di dollari da 20 Paesi.

ATS/AFP/pon
Condividi