A Severodonetsk danneggiato il 90% degli edifici (keystone)

Le truppe russe avanzano nel Donbass

Entrate a Severodonetsk, da dove gli ucraini potrebbero scegliere di ritirarsi - Solo Mosca conferma la conquista di Lyman

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le forze ucraine potrebbero essere costrette a ritirarsi da Severodonetsk, la maggiore città ancora nelle loro mani nella regione di Luhansk. Lo ha detto il governatore Serhi Haidai su Telegram, mentre nel 94° giorno di guerra prosegue la lenta avanzata delle truppe russe sul fronte orientale del conflitto.

Secondo il governatore, i soldati ucraini hanno ancora sufficienti forze per difendere la città
Secondo il governatore, i soldati ucraini hanno ancora sufficienti forze per difendere la città (keystone)

Secondo Haidai, i soldati di Mosca sono entrati nelle zone edificate della località (106'000 abitanti prima del conflitto), dopo aver tentato per giorni di completare l'accerchiamento di chi la difende. Il 90% degli edifici è stato danneggiato nell'assedio. Secondo Gaidai, non basterà qualche giorno per terminare la conquista e gli ucraini hanno ancora sufficienti forze per difendere la città e la "gemella" Lyssychansk, sull'altra sponda del fiume.

 

I separatisti filorussi hanno annunciato (senza conferme ufficiali) venerdì la completa occupazione di Lyman, snodo stradale e ferroviario fra la stessa Severodonetsk (che si trova più a est) e Sloviansk e Kramatorsk (più a sud). La notizia è stata confermata dal Cremlino per bocca del portavoce del Ministero della Difesa Igor Konashenkov.

È quanto riconosce anche l'intelligence britannica nel suo quotidiano aggiornamento della situazione sul terreno, evidenziandone l'importanza strategica anche come accesso ai ponti sul Siverskyy Donets. Il suo attraversamento, ritiene Londra, sarà la probabile priorità russa nei prossimi giorni. Va detto che per nove volte i russi hanno tentato di attraversare inutilmente il fiume, perdendo centinaia di soldati.

In un messaggio video, il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato di una situazione "molto difficile", garantendo che il suo Paese farà tutto il possibile per proteggere l'area e che "il Donbass sarà ucraino".

 
ATS/Reuters/Red.MM
Condividi