Una barca delle guardie di confine statunitensi (keystone)

Migranti, indignazione negli USA

La fotografia di un padre annegato con la figlia nel Rio Grande scatena il dibattito. La Camera dice sì allo stanziamento di 4,5 miliardi per far fronte alla crisi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È ancora una volta una fotografia a sollevare l'indignazione civile sulle drammatiche condizioni dei migranti: nel 2015 fu il caso della morte del piccolo Alan Kurdi sulle coste turche del mediterraneo, questa volta è l'immagine del corpo senza vita di un padre, un cittadino salvadoregno, e della sua bimba annegati nel Rio Grande, sul confine tra Messico e Stati Uniti. I corpi sono stati ritrovati lunedì a Matamoros, in Messico.

Le principali emittenti statunitensi e i media sul web ripropongono in continuazione la fotografia, ma da Washington, per ora, nessuna presa di posizione.

Messico, padre e figlia morti al confine

Messico, padre e figlia morti al confine

TG 12:30 di mercoledì 26.06.2019

E sempre nel Rio grande sul confine con il Texas, glia genti federali statunitensi hanno trovato quattro morti. Si tratta di una giovane donna, due bambini e un neonato.

Intanto, la camera dei rappresentanti ha deciso di stanziare 4 miliardi e mezzo di dollari per la gestione della crisi migratoria ai confini con il Messico: una decisione che potrebbe tuttavia scontrarsi con il voto al Senato con l’eventuale veto presidenziale. Il progetto di legge prevede anche nuove norme per la detenzione dei migranti in particolare dei minorenni, dopo che la settimana scorsa erano usciti dettagli sulle condizioni disumane in cui erano tenuti 300 bambini in una struttura texana. Le polemiche portarono alle dimissioni del capo della polizia di frontiera, tre mesi dopo aver assunto l'incarico.

ATS/ludoC
Condividi