Aerei fermi a Parigi-Orly
Aerei fermi a Parigi-Orly (keystone)

Parigi in aiuto di Air France e Renault

Coronavirus: la compagnia aerea riceverà prestiti per 7 miliardi; il costruttore di automobili dovrebbe beneficiare di 5 miliardi per superare la crisi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La compagnia aerea francese Air France riceverà 7 miliardi di euro in prestiti bancari e statali per far fronte alla crisi causata dalla pandemia di nuovo coronavirus, ma la sua nazionalizzazione non è per ora prevista, ha dichiarato venerdì sera il ministro dell’economia Bruno Le Maire.

Quattro miliardi saranno erogati dagli istituti di credito e saranno garantiti, per il 90%, dallo Stato, mentre 3 miliardi verranno erogati sotto forma di prestiti statali diretti.

Parigi detiene il 14% del gruppo franco-olandese Air France-KLM, che a causa del blocco dei voli perde circa 25 milioni di euro al giorno,

Il Governo olandese ha per parte sua dichiarato di volere sostenere KLM con un importo dai 2 ai 4 miliardi di euro, ma, ha spiegato il ministro delle finanze Wopke Hoekstra, si stanno ancora studiando le modalità tramite le quali sarà stanziato questo importo: non è quindi dato sapere se anche in questo caso si ricorrerà a fideiussioni, prestiti statali o contributi pubblici a fondo perso.

Anche l'Olanda punta ad aiutare KLM
Anche l'Olanda punta ad aiutare KLM (keystone)
Particolarmente toccata l'aviazione

Particolarmente toccata l'aviazione

TG 20 di mercoledì 08.04.2020

 

Parigi tende la mano a Renault

In Francia, anche l’azienda automobilistica Renault dovrebbe ricevere 5 miliardi di euro in prestiti bancari garantiti dallo Stato, ha aggiunto Bruno Le Maire. La filiera dell’automobile garantisce circa 1 milione di posti di lavoro in tutto il Paese, ha ricordato il ministro francese dell’economia, e il solo gruppo Renault ha registrato una riduzione del 19,2% del fatturato nel primo trimestre, proprio a causa del blocco della produzione e delle vendite causato dalla diffusione del virus. Impossibile, per ora, fare valutazioni sui risultati per l’anno in corso.

Il virus colpisce anche Swiss

Anche Swiss ha dichiarato negli scorsi giorni di aver ridotto l'attività dell'80% a causa del calo della domanda; la situazione viene monitorata giorno per giorno e non è esclusa un arresto totale dell'attività.  In Svizzera, il Consiglio federale sta verificando la possibilità di accordare un finanziamento transitorio, in termini di liquidità, al settore dell'aviazione.

Il virus colpisce Swiss

Il virus colpisce Swiss

TG 12:30 di domenica 19.04.2020

 
AFP/ATS
Condividi