L'irruzione dei sostenitori di Trump (keystone)

Prima condanna per l’attacco al Campidoglio

Washington: l’accusata, Anna Morgan-Loyd, evita il carcere grazie al patteggiamento e alla dichiarazione di colpevolezza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tre anni di libertà condizionata con l'obbligo di servizi sociali, e il pagamento di 500 dollari (449 franchi). È quanto prevede la prima condanna emanata ieri (mercoledì) nei confronti di uno dei partecipanti all'assalto al Congresso a Washington dello scorso 6 gennaio.

 

L’imputata, Anna Morgan-Loyd, ha evitato il carcere grazie al patteggiamento con cui si è dichiarata colpevole di essersi introdotta illegalmente a Capitol Hill, e alla sua collaborazione con le autorità.

“Ero a Washington per sostenere Donald Trump ma mi vergogno che il tutto sia degenerato”, ha dichiarato nel corso di un’udienza telefonica davanti al Tribunale federale della capitale. Arrivata dall’Indiana, la donna, 49 anni, aveva ascoltato il comizio dell’ex presidente che accusava i democratici di aver rubato le elezioni; era entrata insieme alla folla nell’edificio rimanendoci tuttavia solo una decina di minuti e senza commettere danni o atti di violenza.

ATS/AFP/ludoC
Condividi