Mitt Romney a Salt Lake City
Mitt Romney a Salt Lake City (ansa)

Romney silura Trump

Repubblicani nel caos. L'ex candidato: è un "ciarlatano". Il Tycoon replica: "Sei un cadavere"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un "ciarlatano", un "impostore", una "persona falsa e inaffidabile", inadatta a fare il presidente degli Stati Uniti. E che potrebbe portare l'America alla rovina. Mitt Romney non usa mezzi termini per attaccare Donald Trump, lanciando un accorato appello agli americani: "Non votatelo".

E in molti interpretano l'intervento di Romney a Salt Lake City come la prova generale per una possibile discesa in campo.

Il partito, dopo il trionfo di Trump nel Super Tuesday, è nel caos. Così l'establishment gioca la carta Romney, che in verità più che un jolly o un asso nella manica assomiglia a una mossa disperata.

Trump liquida l'ex candidato senza peli sulla lingua: "È un cadavere, un morto". "Ha già fallito due volte. È stato un candidato orribile, una catastrofe. È stato ucciso, e ora cerca ancora rilevanza politica", ma i suoi attacchi "sono irrilevanti".

Se il 15 marzo Trump vince in Florida, e magari anche in Ohio e in Illinois, avrà la nomination in tasca. Uno scenario catastrofico per il Grand Old Party, che per la prima volta in 40 anni potrebbe arrivare alla convention di fine luglio senza un accordo, col rischio di una scissione.

ats/joe.p.

Dal TG12.30:

Condividi