Il premier iberico Pedro Sanchez (Reuters)

Sanchez vuole spostare Franco

Il Governo socialista iberico ha avviato l'iter per riesumare i resti dell'ex dittatore e cambiare il luogo di sepoltura

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Governo socialista spagnolo di Pedro Sanchez ha approvato, venerdì, un decreto che prevede l’esumazione dei resti di Francisco Franco e il loro spostamento dall’attuale mausoleo che ospita le spoglie dell’ex dittatore. Lo ha annunciato la numero due dell’Esecutivo di Madrid Carmen Calvo.

Il decreto del Governo dovrà però ancora essere votato e approvato dai deputati al Parlamento dove i socialisti sono decisamente minoritari. Potranno però contare, secondo fonti iberiche, sull’appoggio della sinistra radicale di Podemos, degli indipendentisti catalani e dei nazionalisti baschi per racimolare la maggioranza dei voti che permetterebbe di procedere allo spostamento dei resti di Franco.

La Valle de los Caídos, Valle dei caduti, è un enorme monumento che si trova una cinquantina di chilometri a nord ovest di Madrid, la capitale spagnola, e che ogni anno è meta di pellegrinaggio di decine di migliaia di persone. All’interno si trova la tomba del dittatore Francisco Franco, che governò in Spagna dalla seconda metà degli anni Trenta fino al 1975, anno della sua morte, e che ancora oggi è una figura molto presente e divisiva nel dibattito politico nazionale. L’obiettivo del Governo Sanchez, che sta già provocando reazioni disparate in Spagna, è quello di spostare la tomba in un luogo diverso e soprattutto meno visibile.

AFP/Swing

Condividi