Migliaia di persone sono fuggite dalle violenze nei Paesi vicini (Reuters)

Strage di civili in Etiopia

I soldati eritrei hanno ucciso "centinaia di civili" a novembre 2020 nel Tigrai, regione a nord dell'Etiopia: lo denuncia Amnesty International

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I soldati eritrei hanno ucciso "centinaia di civili" a novembre 2020 nel Tigrai, regione a nord dell'Etiopia, in un massacro che potrebbe costituire un crimine contro l'umanità.

A denunciare l'eccidio è Amnesty International in un rapporto pubblicato oggi. Nella città di Axum, "le truppe eritree si sono scatenate e hanno ucciso sistematicamente centinaia di civili a sangue freddo, cosa che può costituire un crimine contro l'umanità", ha detto Deprose Muchena, direttore regionale dell'organizzazione per l'Est e il Sud dell'Africa.

ATS/joe.p.
Condividi