(reuters)

Svizzera, Russia e sanzioni: il punto

Una panoramica sulle misure contro Mosca che la Confederazione ha finora adottato dopo l'inizio della guerra in Ucraina

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dall'inizio del conflitto, la Svizzera ha più volte ampliato le sanzioni contro Mosca e gli oligarchi vicini al presidente russo Vladimir Putin. In linea di massima il Consiglio federale segue le decisioni dell'Unione Europea; ma non ciecamente e prendendo in esame ogni misura.

Evoluzione delle sanzioni

Il giorno dell'inizio dell'offensiva russa, lo scorso 24 febbraio, il Consiglio federale aveva rinunciato a proprie sanzioni, ma rafforzato le regole volte a impedire di aggirare quelle di altri Stati. Berna con ciò, come detto dal presidente della Confederazione Ignazio Cassis, intendeva lasciare la porta aperta a discussioni diplomatiche. Pochi giorni dopo, il 28 febbraio, il Governo ha però deciso di riprendere integralmente le sanzioni dell'UE.

 

Dallo stesso giorno Berna ha bloccato gli averi delle persone e delle società figuranti sulla lista dei sanzionati da Bruxelles. Fra di loro, il presidente russo Vladimir Putin, il primo ministro Mikhail Mishustin e il ministro degli esteri Serghiei Lavrov. A cinque oligarchi è stato vietato l'ingresso in Svizzera. Il Consiglio federale ha quindi sostenuto l'esclusione della Russia dalla rete di comunicazione bancaria Swift. Il divieto di importazione, esportazione e investimento in Crimea e Sebastopoli, in vigore dal 2014, è stato quindi esteso alle regioni di Donetsk e Lugansk, nell'Ucraina orientale. Lo spazio aereo svizzero è stato chiuso ai voli provenienti dalla Russia e agli aerei immatricolati in Russia, fatta eccezione per i voli con scopi umanitari, medici o diplomatici.

Il 4 marzo Berna ha ripreso tutte le sanzioni finanziarie dell'UE contro Mosca, nonché gli ulteriori divieti di esportazione decisi da Bruxelles. Prodotti utilizzabili per scopi militari e civili non possono quindi più essere esportati in Russia. Se è previsto un uso finale militare, anche le esportazioni verso l'Ucraina sono proibite. I divieti di esportazione si applicano inoltre anche a materiale destinato alla raffinazione del petrolio e all'industria aerospaziale. Sono pure vietati alcuni servizi, come i lavori di riparazione e ispezione e le assicurazioni. Le esportazioni ancora consentite per il settore petrolifero sono soggette ad autorizzazione.

Nuove sanzioni contro la Russia

Nuove sanzioni contro la Russia

TG 20 di venerdì 25.03.2022

 

Il 25 marzo l'Esecutivo ha messo in atto nove sanzioni dell'UE. È così proibita l'esportazione di beni destinati al settore energetico e dei servizi connessi. Pure vietata la partecipazione a prestiti o altri mezzi finanziari destinati a società attive nel settore dell'energia. Bloccate le importazioni di prodotti siderurgici di origine russa e le esportazioni verso la Russia di prodotti di lusso o destinati alla navigazione marittima. Nell'ambito finanziario sono state proibite le transazioni con alcune imprese statali e i servizi di rating.

 

Il 13 aprile il Consiglio federale ha inteso attuare la maggior parte del quinto pacchetto di misure varato dall'Unione Europea, che include il divieto di importazione di carbone e altri beni di consumo suscettibili di generare reddito per Mosca, quali legname, frutti di mare e vodka. Proibito anche l'export di cherosene e prodotti che possono contribuire a rafforzare le capacità industriali russe. Berna ha inteso quindi riprendere le sanzioni di Bruxelles nell'attribuzione degli appalti pubblici e ulteriori misure nel campo finanziario, in particolare quelle che riguardano i trust. Non si può più fornire sostegno finanziario alle istituzioni pubbliche russe. L'esecutivo elvetico esclude invece le limitazioni adottate dall'UE per la navigazione e il trasporto stradale.

I pacchetti delle sanzioni dell'UE

Bruxelles ha deciso di imporre sanzioni alla Russia il 23 e 25 febbraio nonché il 9 e 15 marzo. Dal 25 marzo, le sanzioni del quarto pacchetto dell'UE sono applicate anche in Svizzera. La Svizzera intende poi seguire in larga misura anche il quinto pacchetto, deciso l'8 aprile.

Patrimoni, individui e aziende

Finora sono stati bloccati in Svizzera beni per un valore di 7,5 miliardi di franchi, stando a quanto comunicato dalla Segreteria di Stato dell'Economia (SECO) una decina di giorni or sono. Alla Confederazione sono state segnalate undici proprietà immobiliari di persone che figurano sulla lista delle sanzioni.

La Svizzera ha imposto misure agli stessi individui, aziende e organizzazioni colpiti dall'UE. Fino a mercoledì scorso erano sulla lista delle sanzioni, ottanta aziende e organizzazioni nonché 1'091 persone, fra le quali le due figlie adulte di Putin.

Mass-media

Contrariamente a Bruxelles, Berna non vieta la diffusione di notizie dei media di stato russi. In un'intervista con i giornali del gruppo Tamedia, il ministro dell'economia Guy Parmelin ha riconosciuto che i canali RT e Sputnik sono "strumenti di propaganda russa". Tuttavia, ha sottolineato, un divieto potrebbe essere interpretato come una censura.

ATS/Bleff
Condividi