Tre presidenti per "un eroe"

Celebrati ad Atlanta i funerali di John Lewis, icona della lotta per i diritti civili. Obama: miglior discepolo di King, gli devo molto.

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli ex presidenti degli Stati Uniti Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama hanno partecipato con centinaia di persone alle esequie per il leader dei diritti civili John Lewis, scomparso il 17 luglio scorso all’età di 80 anni. Lewis è stato più volte definito un eroe americano durante la cerimonia che si è svolta nella chiesa battista Ebenezer, luogo simbolo della lotta per i diritti degli afroamericani ad Atlanta, Georgia, città natale di Lewis.

"E’ stato il miglior discepolo di Martin Luther King”, ha detto Barack Obama nella sua elegia funebre. “È stato il mentore di tanti giovani, compreso me. Ho un grande debito verso di lui e la sua potente visione della libertà".

Obama ha anche condannato il recente invio di agenti federali da parte del presidente Donald Trump contro manifestanti pacifici del movimento “Black lives matter” e il tentativo di “scoraggiare la gente dall’andare a votare” alle prossime elezioni.

Lewis aveva scoperto i sermoni del reverendo King a quindici anni, nell’Alabama segregazionista, ascoltandoli per caso su una stazione radio di Montgomery. Le parole di King lo avevano ispirato ad agire. “E’ particolarmente appropriato che nel giorno delle sue esequie, lui ci lasci con il suo ordine di marcia: continuate a muovervi”, ha detto l’ex presidente Bill Clinton.

L'ultimo omaggio a John Lewis

L'ultimo omaggio a John Lewis

TG 20 di martedì 28.07.2020

 

Condividi