L'amministrazione Trump rafforza gli sbarramenti al confine con il Messico (keystone)

Trump, giro di vite sull'asilo

La Casa Bianca annuncia una nuova stretta per chi entra illegalmente negli Stati Uniti: non potranno chiedere ospitalità

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'amministrazione Trump annuncia la stretta sul diritto di asilo per i migranti in arrivo negli Stati Uniti: chi entra illegalmente non avrà diritto alla richiesta di ospitalità. Una mossa dettata da quella che viene definita come una "emergenza nazionale".

È proprio il ministro della giustizia pro tempore Matthew Whitaker, al suo primo giorno di lavoro, a imprimere il marchio sulla nuova misura anti-immigrazione, che arriva a poche ore dallo schiaffo subito dall’inquilino della Casa Bianca sui Dreamers. La Corte d'appello del Nono Circuito ha infatti dato ragione a questi ultimi: l'amministrazione non può cancellare il Deferred Action for Childhood Arrivals approvato da Barack Obama che tutela i giovani nati negli USA da genitori immigrati illegali. Farlo, spiegano i giudici, è probabilmente illegale.

Ma Trump tira dritto con la sua linea dura. In sfida alla legge federale e alle convenzioni internazionali, la sua amministrazione propone di vietare a chi entra illegalmente nel Paese di richiedere l'asilo. A loro, al contrario, sarà riservata una procedura di espulsione rapida. Il divieto è rivolto in particolare a chi attraversa il confine americano dal Messico ed è diretto a scoraggiare la carovana di migranti attualmente in Centro America e in movimento verso gli Stati Uniti.

ATS/ANSA/AFP/Swing

USA, stretta sull'immigrazione

USA, stretta sull'immigrazione

TG 20 di venerdì 09.11.2018

Condividi