Donald Trump in campagna elettorale
Donald Trump in campagna elettorale (reuters)

Trump mente al 66%

Siamo nell'era della post-verità ed i fatti non contano più. La prova? La campagna alle presidenziali USA

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Siamo nell'era della post-verità ed i fatti non contano più. La prova? Più del 66% delle affermazioni del candidato alla Casa Bianca repubblicano Donald Trump, secondo gli esperti di "fact-checking", cioé di verifica dei fatti, non sono vere, ma la sua credibilità non ne risente.

"Post-truth", ovvero, appunto, post-verità: l’espressione è stata inventata nel 2004 da Ralph Keyes e nel 2016 ha acquisito un senso più compiuto: descrive la tendenza riscontrata nelle democrazie occidentali a non credere più ai fatti nel dibattito politico, bensì alle menzogne pronunciate in tono sicuro.

L’ultima menzogna di Trump, rivela Pierre Haski su l’Internazionale, è stata smascherata dal Washington Post, che ha dimostrato che il tycooon "non si è affatto opposto all’invasione dell’Iraq come ha sostenuto più volte. Tre mesi prima della guerra si era detto favorevole all’idea, per poi prenderne le distanze nel 2004 quando sono cominciati i problemi".

Questo vuole dire che non si vota Trump perché dice la verità, ma perché incarna un rifiuto del "sistema". E i social network sono spesso il campo di battaglia e la cassa di risonanza preferite di questo tipo di candidato.

joe.p.

Condividi