I Bush schierati in South Carolina: George, Jeb e Laura
I Bush schierati in South Carolina: George, Jeb e Laura (Keystone)

Tutti i Bush in campo per Jeb

Dopo la mamma Barbara a fare campagna ci sono anche l'ex presidente George W. e Laura

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La famiglia Bush non lesina gli sforzi per tentare di riportare uno dei suoi alla Casa Bianca. D'altronde Jeb Bush è l'unico pretendente alla candidatura a poter vantare tra i parenti stretti due ex presidenti (il papà George H. W. in carica dal 1989 al 1993 e il fratello George W. dal 2001 al 2009) e due ex first lady (la mamma Barbara e la cognata Laura).

 

Per sostenere il fratello minore (all'anagrafe John Ellis Bush, ma per tutti solo Jeb), George W. Bush ha fatto ritorno sulla scena politica dopo sette anni. Accompagnato dalla moglie Laura, si è presentato a North Charleston, in South Carolina, Stato dove sabato 20 febbraio si svolgeranno le primarie repubblicane. Finora vivevano ritirati nel ranch di famiglia in Texas. Gli hanno trascorsi hanno fatto in gran parte dimenticare l'immagine negativa legata alla guerra in Iraq, agli attentati dell'11 settembre 2001 e alla crisi finanziaria ed economica che hanno segnato la sua presidenza.

 

Oggi, stando ai sondaggi, George W. Bush è il repubblicano vivente più popolare. Può contare su una valutazione positiva del 77% degli elettori di destra. Un peso che ha deciso di giocare mettendolo a disposizione del fratello minore per sostenerlo in un momento in cui l'ex governatore della Florida, grazie alle buone performance degli ultimi due dibattiti televisivi, ha il vento in poppa e potrebbe riuscire a superare Donald Trump, dato sempre per favorito ma in perdita di velocità.

L'aiuto della mamma, la novantenne ex first lady Barbara presentatasi a una serata a Derry dove ha parlato per un minuto e mezzo a favore del figlio, ha portato fortuna a Jeb in New Hampshire (è arrivato quarto). Sabato si vedrà quale sarà l'aiuto che l'ex presidente potrà dare al fratellino che, intanto, continua ad affermare la sua differenza rispetto a George senior e George junior e tutta la sua fierezza di essere un Bush.

Diem/ATS

 
Condividi