La Francia in guerra contro l'IS
La Francia in guerra contro l'IS (keystone)

Tutto cambia, dopo Rouen

Vertice in Francia per combattere la nuova strategia dell’IS. "Più militari nel paese", assicura Le Drian

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo aver ricevuto all’Eliseo i maggiori rappresentanti religiosi francesi, che hanno chiesto all’unisono più sicurezza attorno ai luoghi di culto, il presidente francese Francois Hollande ha presieduto mercoledì mattina un consiglio nazionale di sicurezza e difesa, per fare il punto della situazione, all’indomani dell'attentato messo a segno in una chiesa di Saint-Etienne-de-Rouvray, in Normandia.

 

Una tra le prime misure che saranno adottate, in risposta al sanguinoso attentato di Rouen, è una “ripartizione più importante delle forze militari in provincia”, ovvero un maggior dispiegamento di uomini sul territorio soprattutto nelle periferie, ha annunciato il ministro della difesa francese, Jean-Yves Le Drian, al termine del vertice.

Dal canto suo, il ministro dell’interno francese Bernard Cazeneuve ha ricordato che l'ipotesi di una detenzione preventiva per le persone schedate, poiché ritenute potenzialmente radicalizzate, poiché “potenzialmente a rischio di passare all’azione è anticostituzionale, ma soprattutto inefficace”.

E mentre la Francia piange padre Jacques Hamel, il sacerdote di 86 anni sgozzato davanti all'altare dai due assalitori jihadisti, il premier Manuel Valls ha ricordato che "l'obiettivo" dei terroristi è quello di dividere i francesi mettendoli uno  contro l'altro e di colpire la religione per creare una guerra di religione".

ATS/reuters/bin

Dal TG20:

Hollande incontra i leader religiosi

Hollande incontra i leader religiosi

TG 20:02 di mercoledì 27.07.2016


Il parere di un esperto

Il parere di un esperto

TG 20:02 di mercoledì 27.07.2016

 

Dal TG 12.30

Francia, il giorno dopo Rouen

Francia, il giorno dopo Rouen

TG 12:30 di mercoledì 27.07.2016

Condividi