USA, le voci della protesta

Si allarga l’onda lunga delle manifestazioni anti-lockdown, arrivate alle porte di Washington. L'inviato RSI le ha seguite in Maryland

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Da una parte il disagio di chi chiede di tornare al lavoro. Dall’altra i sostenitori del presidente Donald Trump, che incoraggia la ribellione contro le limitazioni decise dai governatori per arginare i contagi del coronavirus.

Dopo i dimostranti armati in Michigan, le manifestazioni per chiedere la riapertura dell’economia si stanno allargando a macchia d’olio. Kentucky, Ohio, Utah, ma anche Texas, Indiana. E Maryland, lo Stato che confina con la capitale federale Washington.

Il nostro corrispondente Emiliano Bos è andato ad Annapolis. Dove le voci di coloro che vorrebbero porre fine al lockdown si sovrappongono a quelle di altri, che invece esortano a un equilibrio tra misure di buon senso e urgenza di rilanciare l’economia.

 
EB
Condividi