Al confine fra Serbia e Croazia, 22 settembre 2015
Al confine fra Serbia e Croazia, 22 settembre 2015 (keystone)

Via libera al ricollocamento

I ministri degli interni dell’UE approvano il piano di ripartizione di 120'000 profughi fra Stati membri

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I ministri degli interni europei hanno approvato a larga maggioranza martedì il piano di ricollocamento di 120'000 migranti fra i paesi membri dell’UE, che dovrebbe avere effetto nei prossimi 2 anni, portando così a 160'000 le persone che verranno ripartite. La Slovacchia, la Romania e l’Ungheria hanno votato contro il provvedimento caldeggiato invece dalla Germania e dalla Francia.

Contraria anche la Repubblica Ceca che ha definito la decisione "un gesto politico vuoto e inefficace", e ha criticato la Polonia per non aver seguito le scelte del cosiddetto Gruppo di Visegard. La Finlandia si è astenuta.

Mercoledì sarà il turno dei capi di Stato e di Governo dei Ventotto di riunirsi e discutere in particolare i controlli alle frontiere esterne e gli aiuti alla Turchia e ad altri paesi del vicino Oriente per gestire milioni di rifugiati siriani.

TG 20.00 del

TG 20.00 del

 

reuters/ats/ZZ

Condividi