Zelensky durante il suo intervento davanti a deputati e senatori francesi
Zelensky durante il suo intervento davanti a deputati e senatori francesi (keystone)

Zelensky, è il turno della Francia

Il presidente ucraino al Parlamento francese: "Porre fine alla guerra contro Libertà, Uguaglianza e Fratellanza” - Accuse a Renault, Auchan e Leroy Merlin

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Paese che vai (o con cui ti colleghi) e messaggio che trovi. Dopo gli interventi a Berlino, Londra, Gerusalemme, Berna e -tra gli altri-, ultimo in ordine di tempo, a Roma (vedi correlato), il presidente ucraino Volodymyr Zelensky oggi (mercoledì) si è collegato in diretta con il Parlamento francese, adattando ancora una volta il proprio messaggio alla platea a cui si è rivolto

 

La Francia deve aiutare l'Ucraina a porre fine a questa "guerra contro la Libertà, l'Uguaglianza e la Fratellanza", ha detto il presidente ucraino, citando dinanzi al Parlamento francese i tre valori fondamentali della République che - ha osservato - hanno "reso l'Europa unita".

Zelensky ha poi denunciato i crimini di guerra dell'esercito russo, che "brucia tutto quanto incontra in Ucraina portando terrore", tornando a chiedere "maggiore sostegno" della Francia e dell'Europa affinché "la libertà non perda questa guerra” contro la Russia di Vladimir Putin. "Siamo molto riconoscenti per gli sforzi del presidente Macron", ha continuato Zelensky, che ha poi chiesto un minuto di silenzio in memoria di tutte le vittime ucraine.

"Dalla Francia, dalla vostra leadership, ci aspettiamo il ripristino della sovranità territoriale dell'Ucraina", ha proseguito il presidente ucraino.

Le accuse a Renault, Auchan e Leroy Merlin

Nel suo intervento in videoconferenza Zelensky ha anche accusato Renault, Auchan e Leroy Merlin di farsi "sponsor della macchina di guerra della Russia". "Le aziende francesi devono lasciare il mercato russo. Renault, Auchan, Leroy Merlin e altri devono cessare di essere sponsor della macchina da guerra della Russia", ha detto il presidente ucraino ai deputati e ai senatori francesi.

Aggiornamento 21.50: Renault ha annunciato la sospensione delle attività del suo stabilimento di Mosca. Lo afferma la stessa azienda in un comunicato.

RG 07.00 del 23.03.2022 La corrispondenza di Stefano Grazioli
RG 07.00 del 23.03.2022 La corrispondenza di Stefano Grazioli
 
ATS/dielle
Condividi