Mosca non sembra voler allentare la morsa
Mosca non sembra voler allentare la morsa (keystone)

Ucraina sempre più minacciata da Est

Il comandante della NATO in Europa preoccupato per l'evolversi della situazione in Transnistria

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’esercito russo ha schierato un importante numero di uomini e mezzi alla frontiera orientale dell’Ucraina e potrebbe presto occupare anche la Tansnistria, una regione indipendente non riconosciuta a livello internazionale, legata alla Repubblica di Moldavia.

A sostenerlo, domenica, è il comandante delle forze NATO in Europa secondo il quale “i militari di Mosca sono presenti in forze e, soprattutto, sono molto equipaggiati e pronti”. Non solo, stando al generale Philip Breedlove “è stato organizzato un dispositivo militare in grado di marciare sulla Transistria; la Russia si sta proponendo sempre più come avversario, che come alleato”.

Nei giorni scorsi, il portavoce del distretto militare occidentale russo, il colonnello Oleg Kocetkov, aveva confermato che soldati russi si erano esercitati in “operazioni di carattere difensivo” proprio in Transnistria, la repubblica secessionista moldava filorussa, che confina a est con l'Ucraina.

Kiev preoccupata

La preoccupazione è condivisa pure dal segretario del Consiglio di sicurezza nazionale ucraino, Andrii Paroublii, secondo il quale “le truppe russe sono pronte ad attaccare l'Ucraina in qualsiasi momento”.

“L'obiettivo di Putin non è la Crimea, ma tutta l'Ucraina; il suo esercito ammassato alla frontiera è pronto ad attaccare in qualsiasi momento", ha aggiunto parlando a migliaia di manifestanti riuniti nel centro di Kiev.

Reuters/ATS/bin


Mosca smentisce

Non si è fatta attendere la reazione di Mosca che, attraverso il vice ministro della difesa Anatoli Antonov, ha smentito di aver ammassato truppe alla frontiera con l'Ucraina e ha assicurato di osservare gli accordi internazionali in materia.

Condividi