Operazioni di carico a Kleinhueningen (Archivio Keystone)

Acqua bassa, carichi limitati

I trasporti sul Reno soffrono a causa del livello del fiume: le chiatte possono portare solo un terzo del peso abituale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La siccità che dura da mesi sta mettendo in crisi numerose attività basate sull’acqua. Nessuno però è colpita tanto quanto quella dei trasporti su alcuni fiumi e bacini elvetici. Al lago di Brenets i battelli sono fermi da settimane.

Lago di Brenets a secco

Lago di Brenets a secco

TG 20 di sabato 22.09.2018

A soffrire sono anche le chiatte sul Reno il cui livello è talmente basso da non permettere di caricare sulle imbarcazioni più di un terzo del peso abituale. A farne le spese è soprattutto la società dei porti di Basilea che, con i suoi tre scali (Kleinhüningen, Birsfelden e Muttenz), è un nodo importante della rete idroviaria europea. Di solito vi passano 6 milioni di tonnellate di merci, pari al 12% di tutte le importazioni in Svizzera. Quest’anno saranno molto meno visto che le limitazioni sono in vigore da ormai tre mesi e le piogge degli ultimi giorni non permetteranno di revocarle.

“Ci sono ovviamente ripercussioni negative, le compagnie di trasporto sono state costrette ad aumentare i costi, tanti clienti hanno dunque cercato vie di trasporto alternative, ad esempio su strada e rotaia, attualmente più convenienti dal punto di vista finanziario”, spiega il portavoce della RheinPorts Simon Oberbeck.

 

Attorno ai porti renani sono attive numerose imprese legate alla logistica e ai trasporti. Tutti coloro che vi lavorano sperano che la clientela tornerà a scegliere il trasporto fluviale, non appena il livello dell'acqua si sarà normalizzato. Di solito è molto meno caro di quello su ruota (sia essa di gomma o di ferro) perché permette di spostare enormi quantità di merci con un solo viaggio. Ma se l'acqua manca non si va lontano.

Diem/RG
Condividi