Il capo dell'esercito svizzero Thomas Süssli
Il capo dell'esercito svizzero Thomas Süssli (keystone)

Affluenza di reclute da record

Il capo dell'esercito prevede che nel 2021 i giovani che parteciperanno alle scuole saranno almeno un migliaio in più

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'esercito svizzero si aspetta per l'anno prossimo un'affluenza record, un effetto anche della pandemia: nelle scuole reclute (SR) sono previsti 1'000 giovani in più, vale a dire circa 12'000 in totale.

"Nel 2021 vi sarà la partenza della SR più grande della storia recente", afferma il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli, in un'intervista pubblicata sabato dal Blick. "Stiamo cercando al momento località supplementari". Saranno formati anche più sanitari. L'aumento - spiega l'alto ufficiale - si spiega con il fatto che molti giovani che in precedenza avevano rinviato la formazione in grigioverde ora, sulla scia della pandemia, hanno improvvisamente tempo. E coloro che sono nell'anno giusto non rimandano l'impegno.

 

In generale Süssli vuole rendere l'esercito più attraente, soprattutto per i giovani. L'armata vuole essere anche più attraente per le donne. "Entro il 2030 puntiamo a una quota del 10%", afferma Süssli.

ATS/Swing

Condividi