Le regole ci sono, ma nei negozi sono decisamente più rispettate rispetto alle vendite online
Le regole ci sono, ma nei negozi sono decisamente più rispettate rispetto alle vendite online (archivio keystone)

Alcol online, Coop e Denner denunciate

La sezione zurighese della Croce Blu ha presentato una denuncia penale: nel 90% dei test adolescenti e minorenni hanno potuto ordinare alcolici senza nessun ostacolo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La sezione di Zurigo della Croce Blu ha presentato una denuncia penale contro Coop e Denner per la vendita online di alcolici a minori e di vino o birra a giovani di età inferiore ai 16 anni.

I test di acquisto online hanno infatti dimostrato che in generale l'ordinazione di alcolici da parte di minori non viene ostacolata.

L'organizzazione contro l'alcolismo ha confermato venerdì a Keystone-ATS una notizia riportata da SRF e dal sito online della NZZ. Nei test di acquisto condotti dalla fondazione Dipendenze Svizzera, oltre il 90% degli adolescenti partecipanti è stato in grado di ordinare alcolici, compresi i superalcolici, un tasso molto più alto di quello registrato da test medesimi svolti nei negozi.

Un problema che non tocca direttamente Migros, che ha recentemente deciso di mantenere il divieto di vendita totale nei propri negozi, ma lo fa indirettamente in quanto Denner è controllata proprio dall'azienda dalla M arancione.

Migros ancora senz'alcol

Migros ancora senz'alcol

TG 12:30 di giovedì 16.06.2022

 
ATS/dielle
Condividi