All'asta le frequenze 5G

La Commissione delle comunicazioni ha stabilito tempi e modalità per l'assegnazione dei canali; prezzo minimo 220 milioni di franchi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le nuove frequenze per la comunicazione mobile, che permetterà l'introduzione della tecnologia 5G, andranno all'asta nel gennaio del 2019. Lo conferma, venerdì, la Commissione federale delle comunicazioni (ComCom). Il prezzo minimo fissato ammonta a 220 milioni di franchi e le frequenze saranno attribuite per un periodo di 15 anni.

Alla gara al rialzo potranno partecipare tutte le aziende interessate e gli attuali operatori potranno acquisire le frequenze necessarie per il lancio della tecnologia 5G. Il bando di gara sarà pubblicato sul Foglio federale del 10 luglio 2018, precisando che per lo svolgimento dell'asta pubblica è stato incaricato l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

Frequenze per il 5G all'asta a gennaio
Frequenze per il 5G all'asta a gennaio (keystone)

Le frequenze saranno attribuite tramite un'asta del tipo "Clock Auction" (CA), che permette di fare offerte in parallelo su tutte le categorie di frequenze. Gli operatori attuali e altre aziende interessate potranno partecipare alla gara - che verrà condotta per via elettronica - con le stesse condizioni. ComCom ha inoltre deciso di non fissare un numero per le concessioni da rilasciare, né la composizione dei pacchetti da attribuire. Vi sono tuttavia dei limiti sull'offerta - definiti "spectrum caps" - per assicurare che i tre attuali operatori (Swisscom, Sunrise e Salt) possano acquisire frequenze 5G nelle bande dei 700 MHz e dei 3,5 GHz.

ATS/Swing

Condividi