Agenti e manifestanti faccia a faccia (keystone)

Berna, 13 fermati per accertamenti

Il bilancio della manifestazioni contro le misure antipandemiche: 800 partecipanti, sequestrati anche coltelli e cacciaviti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Alla manifestazione non autorizzata degli oppositori alle misura antipandemiche di giovedì sera a Berna hanno partecipato circa 800 persone. Si è conclusa senza feriti, ma tredici persone sono state condotte alla stazione di polizia per accertamenti - sette erano già note per aver preso parte a cortei analoghi - e a una sessantina è stato imposto il divieto di entrare in città. Gli agenti hanno sequestrato materiale per dissimulare il volto, coltelli e cacciaviti. I sospetti rischiano accuse per disordini e minaccia alle autorità.

RG 07.00 del 24.09.2021 La corrispondenza di Gian Paolo Driussi
RG 07.00 del 24.09.2021 La corrispondenza di Gian Paolo Driussi
 

I dimostranti hanno inizialmente marciato per le strade, in mezzo al trambusto delle vendite serali nei negozi, chiedendo "libertà". Molti portavano fiori in segno di resistenza pacifica. Inizialmente l'imponente schieramento di polizia non è intervenuto, perché - ha spiegato il municipale responsabile della sicurezza Reto Nause - era difficile distinguere gli uni dagli altri e si rischiava di coinvolgere persone che non c'entravano nulla.

 

Sono però stati fatti esplodere fuochi d'artificio e sono stati lanciati oggetti. La polizia a questo punto ha risposto con proiettili di gomma. Verso le 21, quando i manifestanti hanno iniziato a dirigersi verso Palazzo Federale, gli agenti ha fatto uso anche di cannoni ad acqua. Diversi manifestanti hanno cercato di sfondare una barriera posta davanti all'edificio e sono stati respinti, affermano le forze dell'ordine. Ci sono stati attimi di caos anche nella zona intorno alla stazione.

Una recinzione per proteggere Palazzo Federale
Una recinzione per proteggere Palazzo Federale (RSI)

La città di Berna aveva annunciato lunedì che non avrebbe più tollerato manifestazioni non autorizzate. Un incontro con le principali organizzazioni che avevano lanciato l'appello a scendere in piazza si era concluso con un nulla di fatto e queste avevano deciso di fare marcia indietro, chiedendo ai simpatizzati di non recarsi nella capitale. Ciononostante, le autorità aveva noscelto per prudenza di potenziare il dispositivo di sicurezza: "Il grande dispiegamento di forze si è rivelato purtroppo necessario", ha spiegato Nause, sottolineando che vi sono stati anche tafferugli tra oppositori delle restrizioni sanitarie e autonomi di sinistra.

Il bilancio della manifestazione di Berna

Il bilancio della manifestazione di Berna

TG 12:30 di venerdì 24.09.2021

 
ATS/pon
Condividi