Ignazio Cassis
Ignazio Cassis (keystone)

Cassis difende l’accordo quadro

Svizzera-UE: il ministro degli esteri elvetico sottolinea che l’80% del progetto negoziato corrisponde a ciò che la Svizzera voleva

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il consigliere federale e capo del Dipartimento federale degli affari esteri Ignazio Cassis difende l'accordo quadro negoziato con l'Unione europea (UE). In un'intervista apparsa mercoledì sulla Neue Zürcher Zeitung, afferma che la Svizzera sta giocando un gioco molto pericoloso.

"Corriamo il rischio di dover concludere più tardi con l'UE un accordo peggiore", sottolinea il consigliere federale. "Nella situazione attuale non ci si può aspettare che l'UE, tra due anni, sia più accomodante".

A causa della Brexit, l'UE deve infatti mostrare chiaramente agli Stati membri cosa significhi uscire dall'UE o non essere membro dell'Unione, spiega Cassis. Bruxelles semplicemente non può permettersi di essere accondiscendente, altrimenti un paese dell'UE dopo l'altro inizierebbe ad agire di propria iniziativa.

 

Cassis afferma anche di osservare con preoccupazione la crescita dei partiti euroscettici, fenomeno che non agevolerà il raggiungimento di un risultato migliore nei negoziati bilaterali. "I movimenti populisti di destra e di sinistra penseranno principalmente a loro stessi" e ciò non aiuterà certamente la Svizzera nelle future trattative.

Sottolinea inoltre che l'80% del progetto di accordo negoziato con l'UE corrisponde a ciò che la Svizzera desiderava. Quanto alle cosiddette "linee rosse", aggiunge nell’intervista, non sono invece stati fatti passi avanti. Sulle misure di accompagnamento e sull'adozione della direttiva sui cittadini dell'Unione i negoziatori svizzeri non sono però nemmeno entrati nel merito della questione.

ATS/ludoC
Condividi