Una prima svizzera
Una prima svizzera (keystone)

Chiesti 20 anni per Alieu Kosiah

Parola alla procura al processo per crimini di guerra in corso al Tribunale penale federale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il procuratore federale Andreas Müller ha chiesto 20 anni di detenzione, il massimo della pena, per Alieu Kosiah, ex comandante della milizia liberiana ULIMO dal 1993 al 1995, a processo al Tribunale penale federale per crimini commessi durante la guerra civile nel suo paese d'origine.

Secondo l'accusa, l'imputato (in Svizzera dal 1999) non può beneficiare di nessuna attenuante: le sue motivazioni erano la sete di vendetta della sua etnia, i mandingo, il profitto personale e il desiderio di potere. I 25 capi di accusa (18 omicidi di civili o di soldati disarmati commessi di persona o dai suoi uomini, uno stupro, atti di cannibalismo e di tortura) sono "odiosi".

 

Dalla pena dovranno essere dedotti gli anni già trascorsi in carcere (è in detenzione dal 2014). La procura ha chiesto anche 15 anni di espulsione dalla Svizzera. Il quasi 46enne - che respinge le accuse - è la prima persona processata per crimini di guerra da un tribunale non militare elvetico.

ATS/pon
Condividi