Ora si ottiene se vaccinati, guariti o testati. E se testati, da oggi a pagamento
Ora si ottiene se vaccinati, guariti o testati. E se testati, da oggi a pagamento (keystone)

Covid: da 3G a 2G

Per la presidente della task force Tanja Stadler, nel caso la situazione peggiori il certificato potrebbe essere rilasciato solo a vaccinati o guariti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In caso di peggioramento della situazione sul fronte pandemico il certificato Covid potrebbe essere limitato alle persone vaccinate o guarite dalla malattia: lo afferma Tanja Stadler, presidente del gruppo di esperti che consiglia il Governo federale sul tema.

 

"Malgrado un approccio 3G" (dal tedesco geimpft, genesen, getestet: cioè vaccinato, guarito, testato) "possono verificarsi importanti focolai in occasione di grandi eventi, come abbiamo visto in Olanda in estate o ai campionati europei di calcio", dice al Blick. "I test non sono mai affidabili al 100%", aggiunge.

Più in queste manifestazioni vi sono persone testate, maggiore è il rischio di uno sviluppo dell'epidemia. Per far fronte alla situazione "ci sono varie opzioni: vietare del tutto gli eventi, accettare le infezioni e un possibile sovraccarico del sistema ospedaliero, oppure inasprire le regole". Quest'ultimo approccio può essere raggiunto "da un lato con maschere e distanza o dall'altro affidandosi all'approccio 2G invece di 3G". Con 2G si intende: geimpft o genesen, cioè vaccinati o guariti, escludendo cioè chi si sottopone al tampone.

ats/joe.p.
Condividi