(archivio keystone)

Dossier Svizzera-UE in alto mare

Note diplomatiche a cui la SSR ha avuto accesso lamentano l’immobilismo da parte di Berna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il dossier Svizzera-Unione Europea sembra sempre più in alto mare: stando a note diplomatiche a cui la SSR ha avuto accesso in esclusiva, Berna non avrebbe presentato proposte concrete, e a Bruxelles si chiedono cosa voglia davvero il Consiglio federale. Questo almeno ha detto ieri (mercoledì) agli Stati membri la Commissione europea.

Non ci sono progressi né nel processo né nella sostanza, si è lamentata davanti agli Stati membri la Commissione, che sostiene di attendere da ormai un mese una reazione da Berna a delle proposte di chiarimento sui tre punti dell’accordo quadro che la Svizzera aveva a suo tempo detto di voler chiarire. Siamo noi a scrivere le proposte, dicono i funzionari di Bruxelles, ma non possiamo negoziare con noi stessi.

L’unica cosa che la segretaria di Stato svizzera Livia Leu ha detto chiaramente nei suoi colloqui con la vicecapo di gabinetto di Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, è che l’accordo così come è ha ben poche chance di passare alle Camere federali o davanti al popolo. Ma per il resto Bruxelles si chiede: cosa vuole veramente la Svizzera? Per questo motivo l’idea di un incontro tra presidenti sembra vista con favore. La data del 23 aprile è sull’agenda della presidente, ma il Consiglio federale ancora ieri non l’aveva confermata.

La Commissione europea sembra (o almeno questo è quanto dice) disponibile a delle aperture su cose come gli aiuti di Stato o le misure elvetiche per la tutela dei salari, a patto che siano proporzionate e non discrimino i lavoratori dell’UE. La parte più difficile sembra essere la ripresa della normativa dell’Unione in materia di assicurazioni sociali.

Infine, il contributo alla coesione europea: se si vuole riaprire il testo dell’accordo, allora riapriamo anche la discussione su quello è la posizione di Bruxelles che ha sempre fatto notare come altri, a cominciare dalla Norvegia, paghino molto di più.

UE: cosa vuole la Svizzera?

UE: cosa vuole la Svizzera?

TG di giovedì 15.04.2021

 
Tomas Miglierina
Condividi