Una donna attacca un manifesto pro-Julian Assange davanti al Tribunale dove è processato
Una donna attacca un manifesto pro-Julian Assange davanti al Tribunale dove è processato (Reuters)

Ginevra: visto umanitario per Assange

Il cantone vuole che la Confederazione offra un lasciapassare al fondatore di Wikileaks. Adottata risoluzione urgente in tal senso

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il canton Ginevra vuole che la Confederazione fornisca immediatamente un visto a Julian Assange. Il Gran Consiglio ha infatti adottato giovedì una risoluzione urgente che invita il Governo cantonale a intervenire in tal senso presso il Consiglio federale.

Il testo è stato accolto con 57 sì, 16 no e quattro astensioni. La risoluzione è stata sostenuta da sei dei sette partiti rappresentati al Gran Consiglio. Contrario il PLR.

 

Il fondatore di WikiLeaks, di 48 anni, è detenuto in una prigione di massima sicurezza nel Regno Unito dall'aprile 2019, dopo aver trascorso nove anni nell'ambasciata dell'Ecuador. Sarebbe stato drogato durante gli interrogatori. Gli Stati Uniti, che hanno emesso non meno di 17 capi d'accusa contro Assange, chiedono la sua estradizione.

 
ATS/Reuters/EnCa
Condividi