Il ristorante in casa tua

I cuochi del Bis Montreux arrivano (online) nelle cucine dei clienti, spediscono gli ingredienti ma la cena è fai da te

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Con la pandemia anche la cucina si è spostata online... se il cliente non può andare al ristorante, è infatti il ristorante che va dal cliente. Non solo con il classico take away, ma anche con un serie di corsi di cucina virtuali, guidati passo passo da uno chef. Un'idea che hanno avuto due giovani ristoratori di Montreux; é piaciuta molto e potrebbe proseguire anche in futuro.

Soffriggere a fuoco vivo, aggiungere legumi. Lo chef, Thomas, dà le istruzioni passo passo per un corso di cucina... in diretta streaming. Collegati dall'altra parte i clienti apprendisti che, ai fornelli di casa, preparano una cena degna di un ristorante.

Stanco di vedere i tavoli vuoti, il responsabile del ristorante Bis Montreux ha deciso di reinventarsi. Bastano due computer e poche telecamere. "È un modo per rimanere in contatto con la clientela e far lavorare gli chef in modo creativo", spiega Antony Pessus, direttore del ristorante.

Dall'altra parte, Sara è alle prese con gli gnocchi. Lei è un'influencer culinaria. Abituata a internet, affina le sue abilità con questi corsi on-line. "È sempre interessante avere un vero chef che ci accompagna, ci mostra tecniche che di solito non utilizziamo. Poi si scambiano opinioni durante il corso se per caso si è in difficoltà", dice Sara Dubler, influencer.

I cuochi fai-da-te ricevono tutti gli ingredienti a casa, prima della lezione. Questa sera, il piatto costa 90 CHF per 2 persone, con un workshop di più di 2 ore. Quanto basta a coprire i costi. "È un investimento personale pe motivare le persone. Non abbiamo un ritorno finanziario, ma per noi è importante mantenere il legame con i clienti e, in fondo, per portare la nostra cucina sulle loro tavole. Perché è questo il nostro lavoro", dice Thomas Tochon, chef di cucina.

Un esperimento via social che sta entusiasmando i due giovani ristoratori al punto che intendono proseguire questi incontri virtuali anche dopo la riapertura del ristorante. Sperando che i clienti tornino a gustare i piatti preparati dagli chef non più solo con gli occhi....

TG
Condividi