Il partito nazionale si oppone in particolare al certificato Covid.
Il partito nazionale si oppone in particolare al certificato Covid. (keystone)

L’UDC di Argovia si smarca: "Sì alla legge Covid"

È la prima sezione a sostenere il testo in votazione, fortemente osteggiato dal partito nazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La sezione argoviese dell'UDC ha deciso ieri sera, mercoledì, di sostenere la legge Covid-19 in votazione il 28 novembre con 48 voti contro 47. È la prima sezione cantonale a raccomandare l'accettazione del testo, fortemente osteggiato dal partito nazionale.

Il responsabile cantonale della sanità Pierre Gallati e gli eletti a livello comunale si sono espressi a favore della legge, mentre il presidente della sezione e consigliere nazionale Andreas Glarner, così come la consigliera nazionale Martina Bircher hanno sostenuto la bocciatura. Una mozione per lasciare libertà di voto è stata respinta, precisa un comunicato.

Il partito nazionale ha deciso in agosto di respingere la legge Covid-19. L'UDC è l'unico partito di governo a sostenere il referendum e si oppone in particolare al certificato Covid.

L'assemblea dei delegati dell'UDC

L'assemblea dei delegati dell'UDC

TG 12:30 di sabato 23.10.2021

 
ATS/ludoC
Condividi