La foto eccezionale scattata in Vallese
La foto eccezionale scattata in Vallese (RSI)

L'aquila e lo stambecco, l'incredibile scatto

La scena è stata immortalata sul Grand Chevalard, in Vallese – L’esperta: “Forza impressionante del rapace” – L’autore, amatoriale: “La foto della vita”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un piccolo stambecco attraversa il cielo, a decine di metri da terra, appeso agli artigli di un'aquila reale. Un incredibile attacco immortalato sotto le pendici del Grand Chevalard, in Vallese.

"Non è durato più di 4 secondi. Ho fatto una raffica di foto, ma in quel momento non mi ero reso conto di cosa stesse succedendo” racconta il fortunato fotografo amatoriale Claude Romailler.

Non si sa cosa sia accaduto dopo, ma sicuramente - per il giovane stambecco - quel volo è stato fatale. "Lo solleva solo con una sola zampa. Ha una forza impressionante".

Vallese, Aquila reale a caccia

Vallese, Aquila reale a caccia

TG 12:30 di domenica 13.02.2022

 

L’esperta: “Impressionante la forza utilizzata”

"Le aquile reali osservano le loro prede per ore. Poi le sollevano, le portano a decine di metri di altezza e le fanno precipitare uccidendole, per poi mangiarle" spiega da parte sua Chloé Pang, scienziata ambientale della Stazione ornitologica svizzera di Sempach.

Le aquile di solito adottano questa tecnica di caccia su piccoli mammiferi, come le marmotte. "Un'aquila simile può trasportare fino a 7 chili, benché da adulta pesi tra i 4 e i 6 chili. È impressionante la forza che ha avuto per sollevare lo stambecco" aggiunge Pang. Alcuni individui catturano pure galline e gatti, anche se è abbastanza raro.

 

Come rare sono d’altronde le immagini scattate da Romailler: "Penso di avere fatto la foto della mia vita. Come fotografo amatoriale non penso che avrò ancora l'occasione di fare una foto così".

In Svizzera sono recensite circa 350 coppie di aquile reali. La specie ha ripopolato l'arco alpino ed è recentemente stata tolta dalla lista di quelle minacciate.

TG/RTS/Red. MM
Condividi