Tra i traffici mafiosi: droga, armi, riciclaggio di denaro sulla piazza finanziaria elvetica
Tra i traffici mafiosi: droga, armi, riciclaggio di denaro sulla piazza finanziaria elvetica (Ti Press)

Mafia, in Svizzera più di 20 cosche

Fedpol: "Non solo in Ticino, Grigioni e Vallese, ma ovunque". Almeno 400 i mafiosi sul territorio, anche con permesso B. Domani processo al via in Calabria

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il maxi-processo legato alla 'ndrangheta che prenderà il via domani in Calabria riporta l'attenzione sulla presenza della mafia in Svizzera che "costituisce una piattaforma logistica ideale per i suoi membri", sostiene l'Ufficio federale di polizia (Fedpol)

"Fate attenzione, dopo il denaro dei mafiosi, arriveranno anche loro". L'avvertimento di Giovanni Falcone, il procuratore ucciso da Cosa Nostra a Capaci (Sicilia) nel 1992, si è avverato: secondo stime delle autorità antimafia italiane, sarebbero almeno una ventina le cellule mafiose attive nella Confederazione, cui fanno capo circa 400 persone. La cifra, confermata a luglio da Fedpol, potrebbe essere inferiore ai numeri reali.

I mafiosi, oltre a dedicarsi al traffico di stupefacenti e armi, "si servono della piazza finanziaria elvetica per riciclare denaro e reinvestire i proventi dei reati commessi perlopiù in Italia, nel settore immobiliare, nella ristorazione o in altre attività minori", spiega Fedpol.

Per la ricercatrice Madeleine Rossi, autrice di un rapporto sulle mafie in Svizzera, le autorità elvetiche fanno troppo poco per informare la popolazione e gli inquirenti hanno poca esperienza nel contrasto al fenomeno, tanto che negli ultimi dieci anni sono stati arrestati pochi mafiosi (poche decine).

 
Ben più di 400 mafiosi in Svizzera

Ben più di 400 mafiosi in Svizzera

TG 20 di lunedì 27.07.2020

 
ATS/M. Ang.
Condividi