Un invito non sempre rispettato (keystone)

Niente pubblicità? Minacciati migliaia di impieghi

La mozione Christ sui volantini in bucalettere non piace al sindacato Transfair

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il volume della pubblicità calerebbe drasticamente e migliaia di posti di lavoro andrebbero persi: sarebbero queste, secondo il sindacato Transfair, le conseguenze dell'approvazione della mozione della Verde liberale basilese Katja Christ, che dopo il "sì" del Nazionale in marzo (contro il parere del Governo) sarà presto discussa anche dal Consiglio degli Stati.

Il testo auspica un cambio di paradigma: attualmente i cittadini possono apporre un adesivo "Stop alla pubblicità" per invitare i distributori di volantini a ignorare la loro bucalettere. Il 60% della popolazione ha scelto questa strada. In futuro, invece, verrebbe servito solo chi lo desidera esplicitamente, con una scritta come "Grazie per la pubblicità". Potrebbero fare eccezione solo invii delle autorità, di organi ufficiali o di partiti, secondo Christ. "Oltre la metà delle spedizioni non indirizzate viene buttata via senza nemmeno essere guardata. Una montagna di carta verrebbe risparmiata", afferma la deputata.

La fondazione per protezione dei consumatori conferma: un provvedimento analogo ad Amsterdam ha permesso di risparmiare 34 chili di carta per economia domestica.

Stando a Transfair, non bisogna farsi illusioni: certo ci sarebbe un vantaggio dal profilo ambientale, ma solo una piccola minoranza adotterebbe il nuovo sistema. Di conseguenza, il volume delle pubblicità diminuirebbe fortemente, con conseguenze per tutto il settore. Solo alla Posta, di cui il sindacato è partner sociale, l'effetto si abbatterebbe su un migliaio di impieghi. L'intero pacchetto, afferma quindi Transfair, va "rispedito al mittente".

A chi fa valere il fatto che oggi lo "stop" apposto su molte bucalettere non viene sempre rispettato aveva risposto cinque mesi fa in aula Simonetta Sommaruga. Non ci si deve aspettare, aveva affermato al consigliera federale, che chi oggi lascia comunque un volantino cambi il suo comportamento in futuro.

Cosa fa La Posta oggi

La Posta si impegna a rispettare l'adesivo "Niente pubblicità per favore" e dà ai suoi clienti la possibilità gratuita di ricevere solo le offerte dei fornitori selezionati, una scelta che può essere modificata a piacimento in ogni momento. Non trasmette inoltre i dati personali ad aziende terze.

RG/pon
Condividi