I senatori non tagliano l'agricoltura
I senatori non tagliano l'agricoltura (keystone)

Più soldi per l'agricoltura

I senatori adottano la soluzione della Conferenza di conciliazione per il settore primario

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Maggiori mezzi per l’agricoltura e niente tagli lineari alla voce “beni e servizi” e alla ricerca. Il Consiglio degli Stati si è espresso così, 37 sì e 6 no, sulla soluzione di compromesso elaborata dalla Conferenza di conciliazione in merito al Preventivo 2016 della Confederazione. Giovedì spetterà al Consiglio nazionale pronunciarsi sul budget: in caso di voto negativo, prevarranno gli importi più bassi.

Dopo aver già fatto un gesto nei confronti del Nazionale approvando un incremento di 61 milioni di franchi (a 2,8 miliardi) per i pagamenti diretti ai contadini, i senatori hanno ceduto anche sui mezzi destinati all'export per i prodotti agricoli trasformati accettando un aumento di 26,7 milioni (a 94,6 milioni). Gli Stati hanno anche ratificato una maggiorazione di 5 milioni (a 16,5 milioni) dei mezzi destinati alle varie organizzazioni di agricoltori.

La Camera dei cantoni non ha voluto però compensare questa somma prelevandola dai crediti destinati agli istituti incaricati di promuovere la ricerca (1,023 miliardi). Pollice verso anche sul taglio lineare di 125 milioni (a 4,082 miliardi) alla voce “beni e servizi”.

Red.MM/ATS/Swing

Condividi