Concluso il braccio di ferro fra le Camere: il risparmio servirà ad abbattere il debito
Concluso il braccio di ferro fra le Camere: il risparmio servirà ad abbattere il debito (keystone)

Preventivo, cade il compromesso

Il Consiglio degli Stati dice "no" alla soluzione che avrebbe garantito 370 milioni all'AVS

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'AVS non riceverà 370 dei 442 milioni risparmiati dopo la bocciatura della Previdenza 2020. Con 25 voti contro 16 e 2 astenuti, il Consiglio degli Stati ha bocciato giovedì la proposta della Conferenza di conciliazione in merito al preventivo 2018 della Confederazione.

La totalità della somma risparmiata servirà quindi all'abbattimento del debito. Dopo un tira e molla durato tre settimane, alla Camera dei cantoni la maggioranza composta da PLR e PPD ha fatto pendere la bilancia per la bocciatura della proposta di compromesso.

La soluzione era nettamente più vicina a quella della Camera, del popolo che voleva destinare all'AVS la totalità dei soldi risparmiati dopo la votazione del 24 settembre scorso. I "senatori" avevano invece sempre ribadito di voler destinare parte dei soldi - 295 milioni - al Finanziamento del fondo per l'infrastruttura ferroviaria e il rimanente - 147 milioni - all'abbattimento del debito.

pon/ATS

Nessun milione in più per l'AVS

Nessun milione in più per l'AVS

TG 20 di giovedì 14.12.2017

Nessun compromesso per il preventivo

Nessun compromesso per il preventivo

TG 12:30 di giovedì 14.12.2017

Condividi