Proteggere i giovani dal fumo

Per la giornata mondiale senza tabacco di domenica, l'obiettivo è sensibilizzare la politica sulla salvaguardia dei minorenni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Domenica ricorre la giornata mondiale senza tabacco istituita dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Nonostante siano ormai passati dieci anni dall'epocale divieto di fumare nei locali pubblici svizzeri, il nostro Paese non riesce ancora a distinguersi nella lotta al fumo, piazzandosi addirittura penultimo nella speciale classifica che analizza le 36 nazioni europee.

A mancare, tra vari aspetti, è la protezione verso i minorenni, sempre più ricercati invece dall'industria del tabacco grazie a prodotti che attraggono proprio i giovani come gli aromi o le sigarette elettroniche. E la tutela delle nuove generazioni è proprio il punto centrale della giornata senza tabacco per il 2020 a livello internazionale.

Dipendenze, giovani svizzeri nella media

Dipendenze, giovani svizzeri nella media

TG 12:30 di martedì 19.05.2020

 

Per questi motivi l'Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo ha formulato tre richieste specifiche a indirizzo della politica, domandando l'introduzione di un'età minima di vendita a 18 anni per tutto il Paese (la Svizzera e il Kosovo sono gli unici a non averlo in tutta Europa), restrizioni per i prodotti aromatizzati (l'Unione Europea e il Regno Unito li hanno vietati, mentolo compreso, dallo scorso 20 maggio) e il divieto di pubblicità, sponsorizzazione e promozione.

 

Dopo l'approvazione del Canton Ginevra per l'introduzione (non ancora avvenuta) del divieto di vendita ai minorenni di tutti i prodotti legati a tabacco e nicotina, rimarranno ancora due i Cantoni elvetici senza alcun regolamento (Appenzello Interno e Svitto) mentre solo Basilea Campagna e Vallese hanno pure legiferato sui nuovi prodotti come le sigarette elettroniche.

Modificare la legge a livello svizzero non sarà però impresa semplice, dato che iniziative in questa direzione sono state presentate più volte in anni recenti ma non sono riuscite a superare lo scoglio del Parlamento.

 
ATS/deb
Condividi