Il campione svizzero Sebastien Buemi a bordo del suo veicolo elettrico giovedì a Berna
Il campione svizzero Sebastien Buemi a bordo del suo veicolo elettrico giovedì a Berna (keystone)

Rombi elettrici a Berna

Il Gran Premio di Formula E è previsto il 22 giugno, giovedì Sebastien Buemi ha girato la città con la sua monoposto per promuoverlo, ma non tutti approvano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La città di Berna ospiterà il 22 giugno, tra poco più di un mese, un gran premio di Formula E, la gara automobilistica riservata ai veicoli elettrici. Una competizione pensata anche per promuovere la svolta energetica. I piloti sfrecceranno su un tracciato ad est della città vecchia, in discesa fino alla fossa degli orsi, e di nuovo su, verso il Rosengarten.

Lo svizzero Sebastien Buemi è il pilota con più vittorie in assoluto di Formula E, e pregusta già la gara in casa: "È chiaro che sarà un po' speciale questo circuito - ha detto ai microfoni della RSI - perché c'è una grande discesa, abbiamo già avuto delle discese simili a Roma, ma non così. Sarà una bella sfida per tutti".

Berna presenta il GP di Formula E

Berna presenta il GP di Formula E

TG 20 di giovedì 16.05.2019

 

Voci contrarie

Accelerazioni da 0 a 100 in meno di tre secondi. Velocità massime di oltre 280 chilometri orari. Il gran premio appassiona gli spettatori in tutto il mondo. Lo scorso anno a Zurigo sono accorsi 150'000 spettatori e a Berna ne sono attesi 100'000. Non tutti però sono favorevoli a questa iniziativa. Il fatto che la propulsione dei veicoli sia elettrica non basta a convincere Markus Heinzer, membro di un comitato contrario alla gara: "Vogliamo promuovere la mobilità dolce - ha detto - vogliamo che Berna sia una città di ciclisti. Così invece si promuove la mobilità individuale motorizzata. E non va bene. Noi il traffico motorizzato lo vogliamo ridurre, non lo vogliamo semplicemente dipingere di verde".

Anche il sindaco della città, Alec von Graffenried, è membro di un partito ecologista, ma si dice curioso: "Capisco le critiche. Ma non sarà la regola, è un'eccezione. Oggi facciamo fatica a promuovere energie alternative nel traffico. Questo è un nuovo modo, spettacolare, appassionante, per promuovere i veicoli elettrici".

TG/Bleff
Condividi