La giornata mondiale delle api

Il Quotidiano di domenica 20.05.2018

Salvare le api per salvare il mondo

Ricorre domenica per la prima volta la giornata mondiale degli insetti impollinatori, la cui popolazione si è ridotta di oltre il 30%

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ricorre oggi, domenica, per la prima volta la Giornata mondiale delle api e degli insetti impollinatori. Si ratta di una prima, visto che le Nazioni Unite l’ha istituita solo l’anno scorso, su iniziativa della Slovenia, in seguito ad una grave minaccia: sull’arco di 30 anni, dal 1980 al 2010, la popolazione mondiale di api e vespe si è infatti ridotta del 36%. Una problematica che non risparmia la Svizzera. L'intento dell’ONU non è solo quello di richiamare l'attenzione sull'importanza di questi insetti impollinatori ma anche di incoraggiare azioni per la loro salvaguardia su scala mondiale.

“Gli insetti impollinatori sono importanti perché assicurano la fecondazione fra le piante: le api questo lavoro lo fanno molto bene, sia quelle domestiche che quelle selvatiche, importanti per l’impollinazione perché spesso sono legate, in maniera specifica a poche specie di piante, quindi se scompare l’ape scompare pure la pianta e viceversa”, ci spiega Davide Conconi, presidente della società ticinese di apicoltura.

Un problema che non risparmia la Svizzera
Un problema che non risparmia la Svizzera (reuters)

Per la biodiversità del territorio, è quindi molto importante la diversità delle api selvatiche. Oltre il 70 percento delle colture vitali per l'essere umano sono inoltre garantite proprio dall'incessante lavoro di questi impollinatori, spiega la FAO.

“Sull’arco alpino ci sono centinaia di specie di api selvatiche”, spiega ancora Conconi ai nostri microfoni, aggiungendo che la metà è a rischio di estinzione: “I fattori negativi che pesano su queste api sono principalmente l’uso del suolo, spesso si costruiscono infrastrutture e abitazioni in luoghi ideali per la nidificazione, e le pratiche agricole troppo intensive che vanno a turbare le abitudini di vita di questi insetti”.

Molte persone distinguono a malapena un'ape da una vespa; la consapevolezza della ricchezza e della varietà delle specie di api si è persa. Un tentativo per rinfrescare la memoria lo offre però il progetto "BeeAware" della CIPRA, la commissione internazionale per la protezione delle Alpi. Un progetto che mira a sensibilizzare la popolazione dell'arco alpino sull'importanza anche delle api selvatiche proponendo misure concrete per la loro protezione.

RG-MP/ludoC

La giornata mondiale delle api

La giornata mondiale delle api

Il Quotidiano di domenica 20.05.2018

Condividi