"Se necessario, avremmo fatto di più"

Pandemia: Alain Berset respinge l'accusa di attendere il voto del 28 novembre per decidere nuove misure - "Oggi situazione diversa a un anno fa: abbiamo il vaccino"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera ha deciso di non varare, per il momento, nuove misure contro la pandemia e ieri, mercoledì, il Consiglio federale si è limitato a chiedere i cantoni e alla popolazione di agire per contenere la ripresa dei contagi da Covid-19 e l'aumento delle ospedalizzazioni. La votazione sulla legge Covid-19, in programma domenica, ha forse giocato un ruolo in questa scelta? "No", sostiene il capo del Dipartimento federale dell'interno, Alain Berset. "Sarebbe sgradevole. Ma se la situazione lo richiedesse, lo faremmo immediatamente", assicura il consigliere federale in un'intervista rilasciata alla SRF, rispondendo alla critica secondo la quale il Governo non interviene con nuove misure contro la pandemia per evitare di influenzare a suo sfavore il referendum del 28 novembre:

Il Consiglio federale dà l'impressione di essere preso tra la speranza e la paura. Non agisce...

"Dobbiamo reagire al momento giusto, quando è necessario. Siamo stati piuttosto cauti fino ad ora. In settembre abbiamo esteso l'uso del certificato Covid, e in ottobre ci siamo astenuti dall'allentare. Ora non stiamo stringendo nulla perché ci sono enormi differenze tra i cantoni. Ma noi lavoriamo con i cantoni".

Il capo della task force Tanja Stadler ha detto ieri che è molto probabile che tra tre o cinque settimane la situazione in Svizzera sarà come quella dell'Austria oggi. Non dovremmo approfittare di questo vantaggio?

"Oggi la situazione è critica. Lo sappiamo tutti e si può vedere cosa potrebbe succedere se si guarda all'Austria. Ma è anche un vantaggio avere queste informazioni. Possiamo tutti, tutta la popolazione - in famiglia, in azienda, nelle associazioni - fare qualcosa per rallentare questo sviluppo".

Qual è il suo appello alla responsabilità personale?

"Distanza, igiene delle mani, maschera, ventilare all'interno ovunque sia possibile. Sono cose molto importanti. E i cantoni possono fare di più dove ci sono problemi reali."

Sarebbe sgradevole per voi varare nuove misure pochi giorni prima una votazione, quella sulla legge Covid-19, così importante...

"Sì, sarebbe sgradevole. Ma se la situazione lo richiedesse, lo faremmo immediatamente. Sono mesi che diciamo che la situazione negli ospedali e nelle unità di terapia intensiva è il punto di riferimento per prendere decisioni. Oggi, il 20% dei letti di terapia intensiva sono occupati da pazienti Covid. Questo non è il momento in cui si deve fare di più. Ma i cantoni possono compiere altri passi".

Dunque non state aspettando fino a domenica, lei non accetta questa accusa?

"No, non la permetto. Avremmo già fatto di più se la situazione lo richiedesse. Vorrei anche ricordare che abbiamo sempre lavorato di concerto con i cantoni. La cosa più importante oggi è probabilmente la partecipazione di tutta la popolazione. La gestione della crisi è stata molto più liberale che in altri paesi".

Fondamentale è la speranza quindi che le cose funzionino?

"Sì, vedremo. Ma se la situazione si sviluppasse negativamente, dovremmo chiarire cosa fare insieme ai cantoni".

Lei lo ha detto di nuovo: i cantoni hanno un dovere. Un anno fa, il numero di casi è aumentato in modo simile, e anche allora si disse che i cantoni avevano il dovere di agire, ma non ha funzionato. Perché dovrebbe funzionare ora?

"Penso che sia una situazione completamente diversa. Oggi, è chiaro che la situazione sia delicata, ma abbiamo già fatto molti passi avanti con la vaccinazione. Anche se non abbastanza, ma molto è già stato fatto e abbiamo imparato molto nell'ultimo anno cosa funziona e cosa no. Oggi si possono prevedere anche misure che forse un anno fa non sarebbero state sufficienti".

Sembra tuttavia che Confederazione e cantoni si passino la patata bollente. I direttori cantonali della sanità, per esempio, chiedono misure nazionali: non sembrano soddisfatti del Consiglio federale...

"Ci sono già alcune misure nazionali, con il certificato Covid che si applica in molti luoghi. E il suo utilizzo è stato esteso a settembre. Si applica anche l'obbligo di indossare una maschera nei trasporti pubblici".

State pensando ad altre chiusure?

"Questo sarebbe teoricamente possibile. Ma abbiamo già fatto progressi con la vaccinazione e l'immunità acquisita. Tutti entreremo in contatto con il virus in un modo o nell'altro. Ci sono due modi: il percorso controllato con la vaccinazione - e abbiamo sempre più prove sul fatto che funzioni bene; non è un'assicurazione completa, ma ci aiuta ad uscire dalla pandemia - o quello incontrollato da contagio, e bisogna accettare anche questo. La vaccinazione però è volontaria e rimarrà tale."

(L'intervista integrale condotta da Gion-Duri Vincenz, sottotitolata in italiano, si trova in cima all'articolo)

Berna non introdurrà nuove restrizioni

Berna non introdurrà nuove restrizioni

TG 20 di mercoledì 24.11.2021

SRF/RSINews
Condividi