Il terreno agricolo diminuisce (keystone)

Sicurezza alimentare, tutti contiamo

Obiettivi ambiziosi nel rapporto sul futuro agricolo della Svizzera presentato dal Consiglio federale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Consiglio federale ha obiettivi ambiziosi per il futuro agricolo del Paese: entro il 2050 più della metà degli alimenti consumati in Svizzera dovrà essere di produzione indigena, le emissioni di gas a effetto serra del settore primario dovranno essere ridotte del 40% rispetto al 1990, la dispersione di fertilizzanti nell'ambiente dovrà essere diminuita e lo spreco alimentare andrà ridotto di tre quarti. La popolazione elvetica, infine, dovrà nutrirsi in modo sano.

Guy Parmelin in conferenza stampa
Guy Parmelin in conferenza stampa (keystone)

Sono questi alcuni punti del rapporto commissionato al Governo dalle Camere quando, tra la fine del 2020 e l'inizio del 2021, avevano sospeso la revisione della politica agricola 2022.

Raccolto di ciliegie nel canton Argovia
Raccolto di ciliegie nel canton Argovia (keystone)

La nuova strategia - in tre tappe - prende in considerazione l'insieme del sistema, partendo dalla considerazione che tutti, dall'agricoltore al consumatore, hanno un ruolo nel garantire la sicurezza alimentare elvetica.

Uso di pesticidi considerato ancora eccessivo
Uso di pesticidi considerato ancora eccessivo (keystone)

Negli ultimi vent'anni sono stati fatti passi avanti e non solo dal profilo ecologico, constata il Governo: il tasso di autosufficienza è rimasto stabile malgrado la crescita della popolazione e il reddito medio delle aziende agricole è cresciuto, ma nel contempo l'urbanizzazione si è mangiata un'altra fetta di terreno agricolo, le importazioni di mangimi per animali sono raddoppiate e l'uso dei pesticidi è ancora troppo elevato.

ATS/pon
Condividi