Protesta contro l'assassinio del generale Soleimani a Teheran (reuters)

Soleimani ucciso: parla Berna

La Svizzera esorta Iran e Stati Uniti ad evitare ogni "escalation" dopo l'uccisione del generale iraniano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Ministero degli esteri iraniano ha convocato il capomissione dell'ambasciata svizzera in Iran. La conferma giunge venerdì dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) che ha lanciato un appello alla calma e ha esortato Iran e Stati Uniti ad evitare ogni "escalation". Washington e Teheran non hanno rapporti diplomatici ed è Berna a curare gli interessi dei due paesi.

L'uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani nella notte tra giovedì e venerdì a Baghdad durante un raid aereo ha riacceso le tensioni tra i due paesi, con conseguenze su tutto il Medio Oriente.

Teheran aveva già convocato mercoledì un diplomatico svizzero: gli era stato detto che gli Stati Uniti dovevano cessare le "assurde" accuse al governo iraniano di aver fomentato il violento attacco di manifestanti all'ambasciata americana a Baghdad. L'Iran aveva affermato di non volere un conflitto ma di essere pronto a difendersi dai "guerrafondai".

ATS/YR
Condividi