I kit sono in fase di omologazione da parte di Swissmedic (Keystone)

Test Covid-19, inchiesta COMCO

L'autorità garante della concorrenza ha aperto un'indagine su una sospetta intesa sui prezzi tra tre distributori di kit autodiagnostici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una possibile intesa sui prezzi dei test autodiagnostici per il Covid-19 è al centro di una inchiesta della Segreteria della Commissione della concorrenza. L'autorità garante della concorrenza in Svizzera ha resto noto di essere venuta a conoscenza di una possibile intesa sui prezzi dei test autodiagnostici per il Covid-19 e di aver avviato una procedura contro la Techcompany GmbH e altri due distributori non meglio specificati che riforniscono farmacie e laboratori.

 

L’inchiesta preliminare non è diretta contro l’impresa Aristos International GmbH che ha denunciato il caso. Le altre aziende coinvolte avrebbero fatto pressione perché aumentasse i prezzi dei test autodiagnostici per il Covid-19 delle marche Joinstar, Hotgen e Lysun. Tre prodotti che sul sito dell'azienda vengono venduti a partire da 4 franchi e 70 centesimi.

 

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha recentemente annunciato che i test antigenici autodiagnostici saranno messi a disposizione gratuitamente alla popolazione svizzera a partire dal 7 aprile. Ogni persona avrà diritto alla consegna di 5 kit al mese presentandosi in farmacia con la tessera della cassa malati. Il test permette di accertare l'eventuale contagiosità tramite l'autoprelievo di un campione con un tampone nasale. Il risultato è disponibile nell'arco di 15-20 minuti.

Test fai da te, aperta inchiesta

Test fai da te, aperta inchiesta

TG di giovedì 01.04.2021

 
Diem
Condividi