Guy Parmelin ha ribadito che l'obiettivo svizzero rimane la piena adesione al programma
Guy Parmelin ha ribadito che l'obiettivo svizzero rimane la piena adesione al programma (keystone)

Una soluzione per i ricercatori esclusi

Il Consiglio federale adotta provvedimenti transitori per ovviare all'esclusione dal programma "Orizzonte Europa"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Confederazione è ancora considerata Paese terzo non associato al programma dell'UE Horizon Europe ("Orizzonte Europa"), ciò che preclude ai ricercatori in Svizzera l'accesso a singoli progetti. E anche se una piena adesione rimane l'obiettivo di Berna, non sono per il momento previsti negoziati. Per questo il Consiglio federale ha incaricato oggi, venerdì, il Fondo nazionale svizzero di attuare alcune misure transitorie.

Lo status elvetico permette di partecipare alla maggior parte dei progetti di partenariato ma preclude l'accesso ad alcuni di essi, anche prestigiosi, ha spiegato in conferenza stampa Guy Parmelin. "Orizzonte Europa" è in pratica accessibile per due terzi. I finanziamenti non sono però erogati dalla Commissione europea bensì dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione. Le proposte elvetiche per i primi bandi del 2021 sono all'esame di Bruxelles.

Le misure saranno sottoposte al Parlamento nella sessione invernale 2021. L'entrata in vigore dipende dalle Camere.

 
ATS/pon
Condividi