Gli elettori saranno chiamati alle urne il prossimo 9 febbraio (TiPress)

Votazioni, verso due convinti "sì"

Parere positivo degli elettori nei confronti dell'iniziativa per abitazioni accessibili e per la legge antiomofobia

L'iniziativa per abitazioni a prezzi accessibili e l'estensione della norma antirazzismo per impedire qualsiasi discriminazione sull'orientamento sessuale sembrano godere dei pareri favorevoli degli elettori in occasione delle votazioni federali del prossimo 9 febbraio.

Il secondo sondaggio di Tamedia prevede una maggioranza di più o meno due terzi di sì per entrambi gli oggetti sui quali il popolo svizzero sarà chiamato a esprimersi. L'iniziativa popolare per abitazioni a prezzi accessibili, lanciata dall'Associazione Svizzera Inquilini, raccoglie il 60% di pareri favorevoli contro il 37% di no e il 3% di indecisi.

Per quanto riguarda la norma che vuole impedire discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, contro la quale l'UDF ha lanciato un referendum in nome della libertà di espressione, gli interpellati sono favorevoli alla modifica del codice penale al 66% mentre i contrari circa al 30%. Il 4% di loro non ha ancora deciso. L’analisi è stata realizzata intervistando 12'096 persone in tutta la Svizzera. Il margine di errore è di 1,5 punti percentuali.

Condividi